ITINERARI “BERNARDINIANI” A FILETTINO

Su richiesta del Consiglio Pastorale Parrocchiale pubblichiamo un articolo di Paolo Ottaviani

La peregrinatio del CORPO di San Bernardino da Siena a Filettino, sarà un valido motivo per riscoprire alcuni itinerari che testimoniano l’attaccatezza, il legame e la devozione del popolo filettinese al Santo Patrono. Eccone alcuni.
Volendo preparare un itinerario sulla figura di San Bernardino da Siena, mi sono messo ad individuare quali potrebbero essere le mete, per un fervente devoto, appassionato d’arte, di storia religiosa e natura.

ITINERARI NATURALISTICI:
- Un pellegrino, amante della natura, potrebbe effettuare un percorso a piedi, raggiungendo la Cona di San Bernardino, e quindi la Rena Bianca. In quest’ultima località , lungo il sentiero, esiste una piccola rientranza nella roccia, chiamata “iu cappéglio”, cioè il Cappello, dove si dice,  riposò San Bernardino da Siena, durante uno dei suoi spostamenti dal Lazio verso l’Abruzzo. In quella roccia, quasi radente al suolo, vi è una “buchetta” che i filettinesi attribuiscono al punto esatto in cui il santo, adagiato a terra, poggiò il capo per riposare. Durante i pellegrinaggi a piedi verso il Santuario della SS. Trinità, passando lì, si è soliti gettare un sassolino dentro quella nicchietta, a mo’ di riverenza. E’ stranota a tutti invece, la Cona di S. Bernardino, ubicata nell’omonima località dove esiste la bella, graziosa e piccola cappellina, famosa per  “l’impronta del piede e del ginocchio su una roccia” che la tradizione attribuisce sempre al Santo Patrono, in atto di implorare Dio Onnipotente, affinchè il popolo di Filettino venga liberato dall’assalto dei “briganti” . Fatto accaduto nel lontano  19 maggio 1486. (Miracolo ad intercessione di S. Bernardino a Filettino).
- Altro itinerario, semplice, potrebbe essere quello che permetterà di visitare la Conetta di S. Bernardino in località Piscicarello, al bordo della SP 28 accanto alla cascata dove i camion sono soliti caricare le cisterne di acqua.
Stando in natura, all’aria aperta, in zone boscate e sassose, è opportuno adottare tutti gli accorgimenti del caso: scarpe adatte, acqua al seguito, abbigliamento opportuno, ed occhio all’incontro con qualche rettile, potrebbe capitare. (ricordiamo, quell’habitat  è casa loro, non casa nostra).

 
ITINERARIO STORICO-RELIGIOSO:
Il paese di Filettino, offre parecchi spunti per meditare sulla figura di San Bernardino da Siena. Questo è un itinerario che consiglio a chi non vuole allontanarsi dal paese:
-    visita alla Parrocchia di Filettino. Devozioni alla salma del Santo che sarà pubblicamente esposta durante il giorno, dal 25 luglio al 15 agosto; visita alla Cappella di S. Bernardino (a sinistra guardando l’altare maggiore), dove si può osservare la statua del Santo, la reliquia ex corpore, un pezzo del panneggio che costituiva l’ultimo saio che il Santo ha indossato prima della recentissima ricognizione; la famosa “ghianda” di S. Bernardino (miracolo del 19.05.1486) il cordone che la tradizione vuole attribuire al Santo (accessorio del saio), il cappelletto della ghianda. Sempre in Parrocchia, merita di essere attentamente ed accuratamente osservato il quadro del pittore filettinese Ulisse Giacomini ( scena del Miracolo della pioggia di Ghiande di Ferro in loc. Cona S. Bernardino).
-    Altro itinerario religioso è la Visita della Chiesa di S. Bernardino sotto al Comune, nei giorni in cui è aperta. A richiesta di un congruo numero di persone o gruppi, uno dei componenti del Consiglio Pastorale Parrocchiale, si offrirà di far visitare la Chiesa dove tra l’altro è conservato il famoso mantello del capo dei briganti (Virginio Orsini);  panneggio questo, legato al Miracolo del 19 maggio 1486 nel nostro paese.
-    Ultimo luogo di culto resta la Chiesetta di S. Bernardino in loc. Calvario. E’ pericolante, non è agibile ed è oltremodo inaccessibile poiché diroccata, pertanto, finché non verrà riaperta al culto, ne sconsiglio vivamente la visita.
-    In paese esiste ancora la casa dove la tradizione vuole abbia pernottato S. Bernardino durante la sua visita e predicazione a Filettino. Essendo oggi un’abitazione privata, non è possibile visitare l’edificio e la stanza in questione. Altra testimonianza di fedeltà del nostro popolo al Santo Protettore è la “Sala Comunale S. Bernardino da Siena”, ubicata nei locali sottostanti della Scuola Primaria di Filettino.