L’Azione Cattolica rivolge l’attenzione a Filettino

di Paolo Ottaviani – Segr. C.P.P.

Dopo l’insediamento del nuovo Presidente Diocesano dell’Azione Cattolica, la Sig.ra Sabrina Atturo, amica di vecchia data, e dopo il rinnovo del Presidente Parrocchiale di Filettino, la Prof.ssa Maria Carmela Tardiola, finalmente sembra che nel nostro comprensorio le attività proprie di questa importante Associazione della Chiesa, L’Azione Cattolica Italiana, stiano “rinvigorendo” e soprattutto, con gioia, apprezzamento e forte speranza, stiamo assistendo alla rivalutazione ed alla riscoperta della realtà filettinese, che conta circa 40 tesserati. Al presidente, ai vice-presidenti e ai rappresentanti delle fasce d’età e dei gruppi, a tutti gli iscritti, simpatizzanti ed animatori  gli auguri di buon lavoro e di un proficuo e fecondo servizio da parte del Parroco di Filettino Mons. De Sanctis e del Consiglio Pastorale Parrocchiale.
         

COMUNICAZIONI DALLA PRESIDENZA PARROCCHIALE DI AZIONE CATTOLICA

di Maria Carmela Tardiola

Domenica 25 ottobre 2009, nel primo pomeriggio, Mons. Alessandro De Sanctis, i responsabili dell’A.C. di Filettino e un discreto numero di tesserati, hanno accolto con gioia, per la prima volta, la sig.ra Sabrina ATTURO, Presidente diocesana dell’Azione Cattolica Italiana.
In un clima di affabilità e cordialità, Sabrina ha ascoltato, pazientemente e con interesse, gli interventi dei presenti nei quali sono stati evidenziati i problemi e le difficoltà oggettive che un paese decentrato (rispetto alla sede della Diocesi di Anagni – Alatri) come Filettino, incontra sia nell’organizzare attività di A.C. sia nel raggiungere altri paesi per svolgere attività e partecipare ad iniziative comuni.
Vista la buona disponibilità a voler iniziare un percorso comune e ad inserirsi nelle iniziative della Diocesi, Sabrina ha promesso sostegno e collaborazione attive, offrendo il suo personale appoggio e quello dei suoi collaboratori, disposti a venire periodicamente a Filettino.
L’attività dell’A.C. inizierà con la “FESTA DEL CIAO” sabato 14 novembre 2009 alle ore 15.00. Essa avrà quali protagonisti i bambini dai 5 ai 13 anni personalmente invitati con una lettera. Durante la festa sarà presentato l’Inno dell’Azione Cattolica, sarà illustrato il contenuto educativo del percorso annuale, si faranno giochi divertenti e coinvolgenti. Animatori della festa saranno Sabrina in persona e gli educatori filettinesi che hanno preso l’impegno di portare avanti questa avventura: Alessia Pomponi, Martina Olini, Giorgia Martometti, Marina Cacciotti e Giuseppe Martometti.
La “Festa del Ciao” si concluderà con la celebrazione eucaristica delle ore 17.00 in Parrocchia; a seguire un rinfresco per i bimbi e gli adulti intervenuti.
Nella stessa giornata, mentre i piccoli saranno coinvolti nella festa, ai genitori sarà illustrato il percorso educativo che i figli seguiranno e verranno invitati a supportare l’azione degli educatori con suggerimenti e consigli per meglio venire incontro alle esigenze dei ragazzi.
Contemporaneamente, gli adulti tesserati, a loro volta convocati, avranno un colloquio con i responsabili diocesani per concordare incontri a cadenza mensile, durante i quali si potranno affrontare o approfondire temi religiosi, etici o di altra natura che maggiormente interessano.
Un secondo appuntamento è stato fissato per il giorno 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione, da molti anni ormai “giornata dell’adesione o del tesseramento”. Il tutto andrà a concatenarsi perfettamente con il programma liturgico - approntato dal Consiglio Pastorale Parrocchiale - che vedrà a Filettino quale concelebrante con Mons. De Sanctis, il nostro Mons. Domenico Pompili – Sottosegretario della C.E.I. e Direttore Nazionale dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della Chiesa Cattolica Italiana. In quell’occasione, dopo la santa messa delle ore 11.00, verranno benedette le tessere dell’Azione Cattolica e consegnate agli iscritti con una cerimonia ormai consueta. Sarà presente anche Sabrina che darà un tocco di maggiore inportanza all’evento, per dimostrarci quanto abbia preso a cuore la nostra realtà.